Giuseppe Zagaglia
1933, Modena
Bio
Presente in mostre

Noto come Beppe, Zagaglia è laureato in medicina e attivo in ambito fotografico dalla metà degli anni Cinquanta, mostrando contemporaneamente un interesse anche verso l’utilizzo della cinepresa che più volte riprenderà. Negli anni Sessanta a Modena è tra i fondatori del “Cinefotoclub Ghirlandina”.

In ambito fotografico la sua ricerca poetica ed estetica ha come soggetti i bambini, le amate barche a vela, gli scorci costieri, i giochi di luce, le ombre e la ritrattistica, ma i filoni principali rimangono la fotografia di viaggio e soprattutto, il “mondo modenese”, verso cui stringe un forte legame sentimentale e culturale.

Attraverso gli scorci del centro cittadino, le vedute degli edifici, delle persone, e in generale le situazioni che attorno ad essi si generano tanto nella quotidianità quanto nell’evento pubblico, la fotografia di Zagaglia si affina nella restituzione di un’atmosfera dei luoghi palpabile ed emotivamente coinvolgente.

La sua prima mostra personale a Modena è nel 1968, seguita dalla Galleria Il Diaframma di Milano (1972); altro significativo evento in città è stata la mostra antologica “Beppe Zagaglia, un fotografo

Dilettante” presentata da Lanfranco Colombo (1995) fino alla più recente “Modenesi a Modena” (Modena, 2008) che presentava 300 ritratti di persone più o meno famose legate alla città. È autore di numerosi libri fotografici di cui oltre una trentina sono quelli dedicati alla stessa Modena. A questi si aggiungono le pubblicazioni su molte città dell’Emilia Romagna, Verona, il Po, l’Irlanda e la costa orientale degli Stati Uniti.

Modena e i suoi fotografiModena e i suoi fotografi

dal Dopoguerra agli anni Novanta

12 aprile - 2 giugno 2014

Vai alla mostra >

Opere in mostra

Beppe Zagaglia

I bambini di Beppe Zagaglia, 1979

c-print, 460 x 303 mm

© l’autore

Beppe Zagaglia

I bambini di Beppe Zagaglia, 1972

c-print, 460 x 303 mm

© l’autore