FONDAZIONE
FOTOGRAFIA MODENA

Collezione Internazionale

GLI ARTISTI
A-D
E-H
I-L
M-P
R-W
Y-Ż
Samanta Batra Mehta
1975, Nuova Delhi
Bio
Presente in mostre

Samanta Batra Mehta è cresciuta a Mumbai, in un ambiente cosmopolita e aperto che l’ha incoraggiata a coltivare la formazione artistica pur avendo intrapreso un percorso di studi nel campo dell’economia. Il trasferimento a New York, dove risiede dal 2003, e la gravidanza hanno reindirizzato la sua ricerca artistica. La sua nuova condizione di donna indiana nel centro più occidentale del mondo l’ha costretta a confrontarsi con gli stereotipi sull’India e ad avvicinarsi alla sua cultura d’origine più di quanto non avesse mai fatto a Mumbai.

Con The Grammar of longing (2011) l’artista analizza il senso di spaesamento suscitato dalla migrazione. L’installazione muove da una situazione ipotetica: i membri di una famiglia, divisi da confini invalicabili, possono comunicare solo attraverso il lento mezzo delle lettere, come avveniva in passato. Il lavoro tocca le corde del sentimento lancinante proprio dell’esilio: la nostalgia. L’opera è ricca di riferimenti visivi al periodo storico della Partizione dell’India e alla dialettica post-coloniale. Le pagine che escono dalle macchine da scrivere d’epoca appartengono a libri d’antiquariato, in particolare a un diario di viaggio scritto da un inglese negli anni venti, quando l’India era ancora unita, mentre i collage sono composti da illustrazioni del sistema nervoso umano ritagliate da un manuale di medicina di metà novecento. Trasversalmente l’opera contiene riferimenti autobiografici poiché dà voce al senso di estraneità che l’artista ormai sperimenta, dopo aver lasciato la sua città per New York, in entrambi i luoghi.

Decimo Parallelo Nord

Fotografia contemporanea da India e Sudamerica

19 febbraio | 29 aprile 2012

Vai alla mostra >

Samanta Batra Mehta

The Grammar of Longing, 2011

installazione: antiche macchine da scrivere (1938-1952), pagine originali di un libro
d’antiquariato (1912), inchiostro di china, foglia d’oro a 22 carati.
Macchina da scrivere: 32 x 47 x 74 cm ciascuna
disegni: 21,5 x 28 cm ciascuno
© l’artista

Samanta Batra Mehta

The Grammar of Longing, 2011

dettaglio dell’ installazione: 21,5 x 28 cm
© l’artista

Samanta Batra Mehta

The Grammar of Longing, 2011

dettaglio dell’ installazione: 21,5 x 28 cm
© l’artista

Samanta Batra Mehta

The Grammar of Longing, 2011

dettaglio dell’ installazione: 21,5 x 28 cm
© l’artista

Samanta Batra Mehta

The Grammar of Longing, 2011

dettaglio dell’ installazione: 21,5 x 28 cm
© l’artista

Samanta Batra Mehta

The Grammar of Longing, 2011

dettaglio dell’ installazione: 21,5 x 28 cm
© l’artista

Samanta Batra Mehta

The Grammar of Longing, 2011

dettaglio dell’ installazione: 21,5 x 28 cm
© l’artista