Fondazione
Fotografia
Modena

Fondazione Fotografia Modena è un centro espositivo e di formazione interamente dedicato alla fotografia e all’immagine contemporanea. Attraverso un ampio spettro di attività – che spaziano dalla produzione di mostre ed eventi alla formazione e alla gestione di importanti collezioni – si pone come piattaforma privilegiata di dialogo e approfondimento sul ruolo fondamentale che rivestono le immagini all’interno della nostra cultura.

Avviata nel 2007  come progetto culturale della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Fotografia Modena si è occupata fin da subito della costituzione delle collezioni di fotografia contemporanea della Fondazione, evolvendo nel tempo fino a divenire una struttura di riferimento nel panorama nazionale. Da una fase iniziale concentrata su eventi espositivi progettati per documentare e rendere fruibili al pubblico le progressive acquisizioni della collezione, l’istituzione ha ampliato il proprio raggio di azione includendo nella programmazione anche la fotografia storica e dando avvio a importanti iniziative nell’ambito della formazione, rivolte in modo particolare ad artisti e curatori che intendono lavorare nel campo dell’immagine. L’accurato lavoro sulle collezioni fotografiche permette inoltre alla Fondazione di mettere a disposizione il proprio know-how attraverso specifici servizi esterni nell’ambito della catalogazione, della conservazione e del restauro di opere fotografiche.

Istituita nel 2012 come società strumentale della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e partecipata dal Comune di Modena, Fondazione Fotografia Modena è oggi diretta da Diana Baldon e presieduta da Paolo Cavicchioli, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Sede Espositiva

Foro Boario
Via Bono da Nonantola, 2
Modena
T +39 335 1621739 biglietteria@fondazionefotografia.org

Sede Didattica

Via Giardini, 160
41124 Modena, Italia
T +39 059 224418
formazione@fondazionefotografia.org

Uffici

Fondazione Fotografia Modena
via Emilia Centro 283
41121 Modena – Italia
mostre@fondazionefotografia.org

Foro Boario

Dalla primavera 2014 Fondazione Fotografia Modena trasferisce temporaneamente l’attività espositiva negli spazi del Foro Boario di Modena, così da consentire l’avvio del cantiere di riqualificazione dell’ex ospedale Sant’Agostino.

Il Palazzo del Foro Boario di Modena, che ospita la sede della Facoltà di Economia dell’Università di Modena e Reggio Emilia, venne eretto dal duca Francesco IV nel 1834, su progetto dell’architetto Francesco Vandelli, e adibito a mercato del bestiame, come ricorda l’iscrizione sulla facciata del corpo centrale: “HONORI ET COMMODO FIDELIUM AGRICOLARUM”.

Lungo più di 250 metri e largo quasi venti con una superficie utile di circa 12 mila mq, l’edificio è costituito da un corpo centrale e da due ali, ovest ed est. Il primo intervento di modifica risale al 1849, quando fu adibito a caserma per le truppe austriache di presidio a Modena. Rimase caserma fino al 1887 quando divenne proprietà del Comune di Modena e da allora ha avuto molteplici destinazioni (reparti ospedalieri, scuole e caserma dei Vigili del Fuoco).

Le mostre di Fondazione Fotografia sono allestite nell’ala ovest, con ingresso da via Bono da Nonantola.

Galleria

Ex Ospedale
Sant'agostino

L’Ex Ospedale Sant’Agostino è un complesso edilizio di oltre 24 mila metri quadri situato nel centro storico di Modena, sorto nel 1753 per volontà del Duca d’Este Francesco III.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena lo ha acquisito con l’intento di riqualificarlo e di trasformarlo in un nuovo polo culturale, condividendone la progettazione con il Comune di Modena.  Secondo il progetto architettonico firmato da Gae Aulenti, al suo interno saranno trasferite la Biblioteca Nazionale Estense e la Biblioteca Poletti; inoltre, troveranno sede nell’ex ospedale il Polo dell’Immagine e dell’Arte contemporanea, che coordinerà l’attività di Fondazione Fotografia, Galleria Civica e Museo della Figurina; il nuovo Centro multimediale della Figurina collegato al Museo; la Bottega multimediale delle idee e della creatività con spazi tecnologicamente avanzati per attività legate alla ricerca, alle imprese e alle arti.

L’inizio dei lavori è previsto nel 2017.

Galleria