Elena
Rabitti

1991, Scandiano (RE)

Dopo la maturità liceale artistica si iscrive all’ISIA di Faenza, università specializzata nel Design del Prodotto. Qui studia anche fotografia, apprendendo le basi della tecnica, sia analogica che digitale. Da quel momento manifesta un grande interesse verso la disciplina, che affronta in modo sempre più sistematico e consapevole orientandosi verso la fotografia di paesaggio e architettura.

Durante gli anni universitari si confronta con diverse materie progettuali e teoriche e frequenta con regolarità corsi e workshop acquisendo una formazione più ampia e flessibile.

Dopo la laurea triennale decide di proseguire gli studi nel medesimo istituto, e consegue la laurea specialistica nel febbraio 2016, con il progetto fotografico Derive Architettoniche.

 

SINAPSI (2012-2017)

 

“Le fotografie si riferiscono ad altre fotografie già viste e divengono così immagini fluttuanti, come quelle registrate dalla nostra memoria […] Quindi i luoghi e gli oggetti che ho fotografato sono vere e proprie zone della memoria, ovvero località che dimostrano più di altre che la realtà si è trasformata in un grande racconto.”

Luigi Ghirri, Still-Life: Topografia-Iconografia, 1982

 

Vagare nella dimensione spaziale dei luoghi e divagare nella dimensione temporale della memoria. Immagini che riaffiorano inconsciamente dopo anni di oblio tornano nel presente mescolandosi ai ricordi visivi più recenti, come tanti frammenti che vanno a comporre una mappa eterogenea del mio vissuto quotidiano.

Opere

Elena Rabitti, Sinapsi, 2012-2017, stampa inkjet e ai sali d’argento
Elena Rabitti, Sinapsi, 2012-2017, stampa inkjet e ai sali d’argento