14/15/16 ottobre

Workshop

Fotogiornalismo, manuale di istruzioni

Workshop con Erik Messori

next
workshop

Fotogiornalismo, manuale di istruzioni

Il workshop ha raggiunto il numero massimo di partecipanti previsti.

Chi fosse interessato a entrare nella lista d’attesa, è pregato di contattarci inviando la scheda di iscrizione compilata, senza effettuare il pagamento della quota di iscrizione.

Il workshop, in programma dal venerdì pomeriggio alla domenica, illustrerà la fotografia documentaristica dall’interno, partendo dal punto di vista informato di un fotogiornalista con profonda esperienza sul campo. Il workshop, senza perdere di vista gli ideali e le motivazioni che caratterizzano un bravo fotografo, si concentrerà soprattutto nel fornire spunti per un pratico manuale di istruzioni. Saranno analizzati in maniera critica gli aspetti che concorrono a disegnare la realtà quotidiana di chi lavora a un reportage, dalla preparazione alla postproduzione: come bisogna prepararsi e attrezzarsi per affrontare nel migliore dei modi il lavoro sul campo; come inquadrare con maggiore efficacia la storia da raccontare; come lavorarla e confezionarla.

Un focus sarà dedicato alla strutturazione di un progetto, tenendo conto delle differenze tra lavoro commissionato e storia personale. Infine il docente mostrerà come usare i social per pubblicizzare una storia senza banalizzarla.

E’ prevista un’uscita fotografica per iniziare a mettere in pratica le nozioni apprese.

Quando

14/15/16 ottobre


Dove

via Giardini 160, Modena


Costo

300 euro


scarica la scheda di iscrizione
Termini

Il workshop prevede un numero minimo di 7 e massimo di 15 partecipanti.
Le iscrizioni avvengono per ordine di arrivo, fino ad esaurimento posti.
Durata: 2 giorni e mezzo


Modalità di iscrizione

La scheda di iscrizione va inviata via e-mail all'indirizzo formazione@fondazionefotografia.org


Attrezzature e materiali richiesti

Attrezzatura fotografica.





Erik
Messori

1973, Reggio Emilia

Si occupa di fotogiornalismo e reportage su temi nazionali e internazionali di respiro sociale. Ha frequentato seminari di fotografia con Gianni Berengo Gardin e Josef Koudelka a Milano.

I suoi lavori sono stati pubblicati su: National Geographic Italia, Vogue Italia, CNN, Neue Zürcher Zeitung, l’OBS Magazine, Private Magazine, Wired Magazine Italia, Publico, Vision Magazine, The Guardian, Corriere della Sera, La Stampa, Le Journal de la Photographie, Photojournale, The Australian, Out of Focus Magazine, Bite Magazine, Visura Magazine, PeaceReporter Magazine. Ha cooperato con News International e A.N.S.A.

Una parte del suo progetto su Chernobyl è stato pubblicato sul volume CONNECTIONS ACROSS A HUMAN PLANET (Editore – Photojournale), ha contribuito al volume BONDED LABOR (Editore – Columbia University NYC 2012)

Membro e fondatore del collettivo fotografico CAPTA formatosi con l’intento di utilizzare la fotografia come strumento di lavoro, al fine di preservare una visione personale e approfondita dell’attività foto giornalistica, mirata a riprodurre oggettivamente la società attraverso una narrazione delle molteplici realtà quotidiane per immagini.
Il gruppo attribuisce alla fotografia il merito di migliore esempio di interpretazione della realtà, nonché efficace strumento di documentazione sociale.

Collabora come assistente editor a Vision Magazine (Cina). Iscritto all’Ordine Nazionale Giornalisti dal 2010, Esperienze nell’insegnamento con diversi workshop sul Reportage.